UniCa UniCa News Notizie Il ricordo, la memoria

Il ricordo, la memoria

Il 31 maggio 2023 è scomparso il professor Mario Cannas, già docente di Chimica Generale ed Inorganica e di Strutturistica Chimica dell’Ateneo cagliaritano. Il ricordo dei colleghi chimici.
16 giugno 2023
Il professor Mario Cannas

Il ricordo, la memoria

Mario Cannas, nato nel 1926, si era laureato in Chimica a Cagliari nell’A.A. 1950/51.

Dopo qualche anno di attività nell’industria mineraria, alla fine degli anni 50 aveva accettato un incarico di insegnamento nel corso di laurea in Chimica della Facoltà di Scienze MM.FF.NN. della nostra Università, afferendo all’Istituto di Chimica Generale. In quelli anni l’attività di ricerca nell’Istituto era piuttosto limitata, conseguenza delle scarse risorse ma soprattutto del continuo avvicendarsi nella Direzione di professori ordinari che provenivano da sedi continentali. Nella lunga storia dell’Istituto, che origina nel 1826 con l’istituzione della prima cattedra di chimica, pochi dei titolari avvicendatisi negli anni hanno dedicato il loro impegno nel promuovere una attività di ricerca che potesse avere continuità temporale.

Nel 1960 Paolo Corradini, allievo del Nobel Giulio Natta, fu chiamato a ricoprire la cattedra di Chimica Generale e si trasferì a Cagliari. Egli promosse, con alcuni giovani laureati e laureandi, la formazione di un gruppo di ricerca dedicato alla determinazione della struttura molecolare di diverse sostanze mediante la diffrazione dei raggi X. La permanenza di Corradini a Cagliari si interruppe dopo un anno, quando accettò il trasferimento a Napoli, seguito da alcuni dei giovani del gruppo di ricerca. Mario Cannas per motivi economico/familiari non poté seguirlo ma accettò di continuare la collaborazione, trascorrendo a Napoli, a proprie spese, diversi periodi per discutere lo sviluppo delle ricerche e intraprenderne di nuove. Fu così che ebbe inizio la sua attività di coordinatore a Cagliari di un gruppo che, superando difficoltà logistiche e finanziare pubblicò i primi di una lunga serie di lavori, tutti su qualificate riviste internazionali.

Negli anni 70 la documentata attività del gruppo ebbe i primi riconoscimenti, ricevendo finanziamenti da organismi locali e nazionali, tra i quali contratti di ricerca annuali del C.N.R. Il riconoscimento fu coronato nel 1980 con la promozione del Prof. Cannas a Professore ordinario di Strutturistica Chimica, tra i primi ricercatori nelle discipline chimiche formatisi nella nostra Università a raggiungere questo risultato.

L’attività del Prof. Cannas non subì rallentamenti e continuò a svolgere un ruolo attivo nelle ricerche dei componenti del suo gruppo fino ai primi anni duemila, spinto come sempre dalla curiosità del ricercatore di sviluppare nuove conoscenze.

Il prof. Cannas è stato anche tra i pionieri del Gruppo di Didattica Chimica Università – Scuola di Cagliari ed ha contribuito con articoli pubblicati sulla rivista nazionale della Divisione di Didattica della Chimica della Società Chimica Italiana alla didattica ed alla divulgazione della disciplina. Ha collaborato anche alla realizzazione del progetto per la realizzazione del Museo della Chimica curando i rapporti istituzionali con le amministrazioni locali.

Tutti i suoi colleghi e studenti lo ricorderanno con stima ed affetto per le sue doti scientifiche e soprattutto per le sue grandi doti umane.

(a cura del professor Guido Ennas, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche) 

Ultime notizie

05 luglio 2023

CYBERCHALLENGE.IT 2023. L’Università di Cagliari alla finale nazionale

La squadra del Diee di UniCa, formata da Emmanuele Massidda, Lorenzo Corrias, Massimo Sanna, Christian Scano, Davide Sechi e Nicholas Meli, ha partecipato al contest conclusivo del CyberChallenge, disputato la scorsa settimana a Torino. In testa a metà gara, il team studentesco - allenato dal professor Davide Maiorca (docente del dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica) e dalla sua vice, Sofia Tocco (studentessa del corso di laurea in Informatica) - al termine della competizione ha conquistato un lusinghiero quinto posto, risultando l’unico ateneo del sud e isole fra le prime dieci università Italiane

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie