Lo afferma il ministro della Funzione pubblica a margine di un convegno dell’Aspen Institute.
17 November 2006

Con la Finanziaria 2007 "è stato fatto quel che si poteva fare, ma si sa che ricerca e Università hanno bisogno di maggiori fondi". Lo afferma il ministro della Funzione pubblica, Luigi Nicolais, a margine di un convegno dell'Aspen Institute.
Il Governo, spiega il ministro, doveva recuperare 15 miliardi per il risanamento e mantenere l'impegno preso sul cuneo fiscale.
Nei prossimi anni, pero, "i finanziamenti per Università e ricerca devono arrivare al 2-2,5 per cento del Pil, e dovrà ripartire il meccanismo di assunzione per i ricercatori universitari".
Al termine del convegno il ministro parla anche della necessità di ridisegnare il sistema di governance delle Università, un sistema che deve avere al centro "la valutazione e la qualità". L'Università, spiega "sta assumendo un ruolo sempre più importante rispetto al passato: non deve fare più solo la formazione della classe dirigente, ma anche essere d'aiuto a imprese ed enti locali per lo sviluppo economico. Va cambiata, quindi, la governance, perché il contesto è molto diverso da quando le Università sono state create. Si puo fare una sperimentazione in alcune aree - conclude - ma vanno valutate le opportunità più adatte al nostro sistema, che non è né un sistema anglosassone, né tedesco".

Fonte: http://www.denaro.it

 

Last news

05 July 2023

CYBERCHALLENGE.IT 2023. L’Università di Cagliari alla finale nazionale

La squadra del Diee di UniCa, formata da Emmanuele Massidda, Lorenzo Corrias, Massimo Sanna, Christian Scano, Davide Sechi e Nicholas Meli, ha partecipato al contest conclusivo del CyberChallenge, disputato la scorsa settimana a Torino. In testa a metà gara, il team studentesco - allenato dal professor Davide Maiorca (docente del dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica) e dalla sua vice, Sofia Tocco (studentessa del corso di laurea in Informatica) - al termine della competizione ha conquistato un lusinghiero quinto posto, risultando l’unico ateneo del sud e isole fra le prime dieci università Italiane

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie